Chianti raro Castello del XII con pregiati vigneti T5055

Residenza storica produttrice di pregiato vino a 10 km da Firenze

  • vista-parco
  • corte2
  • corte4
  • esterno
  • vigneto
  • vista-parco
  • Informazioni Utili
    • Rif.: T5055
    • Città: Firenze
    • Superficie: 3500 m2
    • Scoperto: 145 ettari m2
    • Camere: 20
    • Aeroporto: 50 km
    • Stazione: 20 km
    • Mare: 130 km
    • Montagna: 60 km
Download brochure image_pdf

CASTELLO CHIANTI – FIRENZE
ZONA : CHIANTI COLLI FIORENTINI
Il Castello è situato a pochi km da FIRENZE, e rappresenta un notevole esempio dell’architettura Toscana RINASCIMENTALE. Le sue origini risalgono al XII° secolo, nel XV° secolo l’interno venne abbellito da porticati e loggiati secondo lo stile ed il gusto rinascimentale mentre esternamente il perimetro murato fu a sua volta circondato da massicce opere bastionate in pietra. La proprietà ha una superficie totale di 145 ettari di cui 63Ha di bosco ceduo, 22Ha di vigneto in età produttiva, 30Ha di oliveto, 30Ha di seminativo incolto, l’ azienda possiede 20Ha di diritti di reimpianto ( vini riproducibili Chianti DOCG, Chianti DOCG superiore, IGT Toscana Rosso e IGT Toscana Bianco) , come immobili oltre al castello , disseminate nei 145 ettari della proprietà ci sono 10 case coloniche da circa 350mq ciascuna, da ristrutturare totalmente , mentre 1 di queste 10 indicate è completamente ristrutturata e abitata dalla proprietà ( può ospitare circa 12 persone ). Il castello è di 5.000 mq, in parte ristrutturato, grezzo al PRIMO PIANO E SOFFITTE e si trova nel chianti fiorentino a pochi km dalla città. (10 KM DA FIRENZE)

STORIA
Nel cuore dell’antico feudo dei conti Guidi, poi dei Vescovi di Firenze, ai piedi del Monte di Croce, sorge questo imponente maniero, un tempo avamposto del potere feudale nel contado di queste terre. Le sue origini risalgono al XII° secolo, fu proprietà della famiglia dei Saltarelli, signori e notai locali poi emigrati a Firenze, che ampliarono le strutture originarie di quello che oggi è il nucleo centrale, turrito e merlato.
Nel XV° secolo l’interno venne abbellito da porticati e loggiati secondo lo stile ed il gusto rinascimentale mentre esternamente il perimetro murato fu a sua volta circondato da massiccie opere bastionate in pietra. Tutto questo si deve quasi sicuramenete ai nuovi proprietari dell’epoca, i Pazzi, le cui insegne – due delfini che si affrontano – ancora oggi marchiano il castello. La vicina cappella, di origine medievale, è dedicata a S.Maria Maddalena de’ Pazzi che qui soggiorno nel XVI° secolo. La leggenda vuole che dopo il fallimento della congiura del 1478 ordita dalla famiglia contro i Medici, la famosa congiura de’ Pazzi che costò la vita a Giuliano fratello di Lorenzo, Torre a Decima divenne il loro rifugio. Il castello è oggi residenza privata visitabile solo dall’esterno.

Prezzo richiesto: € 20.000.000

Indicazioni

CONTATTACI

captcha